I buoni uffici e relazioni economiche al centro dell’incontro a Ginevra con il presidente russo Vladimir Putin

Berna, 16.06.2021 - Mercoledì 16 giugno 2021, successivamente al vertice di Ginevra, una delegazione svizzera guidata dal presidente della Confederazione Guy Parmelin ha incontrato il presidente russo Vladimir Putin e la sua delegazione. Lo sviluppo delle relazioni bilaterali, questioni riguardanti la sicurezza in Europa e i buoni uffici della Svizzera sono stati gli argomenti centrali del colloquio.

Entrambe le parti hanno espresso apprezzamento per le buone relazioni che intercorrono fra i due Paesi: caratterizzate dal rispetto reciproco, esse si esplicano in un intenso scambio che tocca numerosi ambiti tematici. Contatti istituzionalizzati esistono nei settori dell’economia, delle finanze, della ricerca, della politica estera e della politica di sicurezza, dei diritti umani, delle dogane e dell’agricoltura. Il presidente della Confederazione ha sottolineato che la Russia fa parte dei Paesi prioritari della politica estera svizzera e ha evidenziato il grande potenziale insito in un’intensificazione degli scambi economici.

Uno dei principali temi trattati riguardava la situazione della sicurezza in Europa. Il presidente della Confederazione Guy Parmelin ha dichiarato che la Svizzera, come altri Stati, è preoccupata per il deterioramento della situazione e l’erosione della fiducia. È stata anche discussa la collaborazione in seno al Consiglio d’Europa e all’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), istituzioni multilaterali in seno alle quali la Russia svolge un ruolo centrale. La Svizzera si impegna per un rafforzamento dell’OSCE, che nel 2025 festeggerà il suo 50° anniversario. Il presidente della Confederazione ha dichiarato che in ambito multilaterale il dialogo e la cooperazione sono più importanti che mai.

I mandati di potenza protettrice che la Svizzera esercita per la Russia e la Georgia assumono un’importanza particolare nelle relazioni svizzero-russe. La delegazione svizzera ha sottolineato l’impegno profuso dal nostro Paese per la stabilità nel Caucaso, nell’Asia centrale e nell’Europa orientale. Una base stabile permette uno sviluppo duraturo.

Oltre al presidente della Confederazione Guy Parmelin hanno partecipato al colloquio il consigliere federale Ignazio Cassis, capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), e le segretarie di Stato Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch (SECO) e Livia Leu (DFAE). La delegazione russa, oltre al presidente Vladimir Putin, comprendeva anche il ministro degli esteri Sergej Lavrov.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione GS-DEFR, tel. +41 58 462 20 07, info@gs-wbf.admin.ch

Comunicazione DFAE, tel. +41 58 462 31 53, kommunikation@eda.admin.ch



Pubblicato da

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

Contatto

Servizio della comunicazione SG-DEFR

Palazzo federale est
3003 Berna
Svizzera

Tel.
+41584622007

E-Mail

Stampare contatto

https://www.wbf.admin.ch/content/wbf/it/home/dokumentation/nsb-news_list.msg-id-84002.html